Domani esce il terzo lavoro di quel mistero di uomo che è Giorgio Faletti.Uno che ha cavalcato l’onda della tv negli anni ’80, per chi si ricorda “l’agente Catozzo” di DriveIn.

Uno che è arrivato SECONDO a Sanremo 1994 con “Signor Tenente”, che per chi non se la ricordasse metto un link qui al testo.

Col 2000 è diventato scrittore di thriller, molto commerciale forse. Ma è ciò che mancava in Italia. Uno scrittore italiano di storie internazionali, alla Ken Follett, alla Jeffery Deaver.

Bello il primo, “Io uccido”, con la sensazione di sapere già cosa avviene nella pagina immediatamente dopo. Ma comunque scritto bene. Drammaticamente “magico” il secondo, “Niente di vero tranne gli occhi”, dove per concludere le indagini si fa affidamento a qualcosa di poco serio come il “ricordo genetico” degli occhi di un personaggio del libro, stile Gaud di “Stargate”.Oggi alla Mondadori di Milano verranno firmate le prime copie del nuovo libro, “Fuori da un evidente destino”. Da domani è acquistabile in tutte le librerie. Quindi venerdì appuntamento alla Demetra, da Galla, o dove volete. Devo assolutamente comprarlo, anche per staccarmi dalla lettura dalla Torre Nera di Steve che dà assuefazione. Della storia non si sa nulla, ovviamente, ma spero in bene.

Intanto Lulu cerca autori indipendenti. Se mai pubblicherò qualcosa penserò alla Pubblicazione su Richiesta fornito da http://www.lulu.com/it

Annunci