da Il Grande Dizionario Garzanti di Italiano 2007
lemma gastronauta
Definizione [ga-stro-nàu-ta] n.m. e f. [pl.m. -i, f. -e]
Chi, per hobby o per professione, viaggia cercando prodotti enogastronomici degni di nota e sperimentando ristoranti, trattorie, enoteche ecc.
Comp. di gastro(nomico) e -nauta.
Lemma portoghese
Sillabazione/Fonetica [por-to-ghé-se]
Etimologia Dal port. portuguez, che è dal lat. mediev. Portucalense(m), deriv. di Portus Cale ‘Portogallo’, propr. ‘porto di Gaya’; il sign. 3 sembra alludere a un episodio avvenuto a Roma nel sec. XVIII, quando l’ambasciata del Portogallo poté partecipare a una rappresesentazione al teatro Argentina senza pagare biglietto e i romani fingendosi portoghesi entrarono con loro.

Definizione agg. del Portogallo: il popolo, la lingua portoghese¶ s. m.
1 [anche f] chi abita, chi è nato in Portogallo
2 lingua neolatina parlata in Portogallo, in Brasile e in altri paesi
3 (fig.) chi, con sotterfugi o con altri espedienti, riesce a entrare in un teatro o in altro luogo di spettacolo senza pagare il biglietto; per estens., chi viaggia su mezzi pubblici di trasporto senza pagare il biglietto: fare il portoghese.

Capitolo 1. Cucina portoghese (parte 1)Cucina portoghese
La cucina portoghese è caratterizzata da ricchi, abbondanti e riempitivi piatti ed è uno dei primi esempi di dieta mediterranea. L’influenza coloniale portoghese è chiara, soprattutto nella vastità di spezie usate. Queste includono i piri piri (piccoli piccanti peperoncini), come la cannella, la vaniglia e lo zafferano. Ci sono anche influenze arabe e africane, soprattutto nel sud del Paese. L’olio d’oliva è una delle basi della cucina portoghese sia per cucinare che insaporire i pasti. L’aglio è vastamente usato come lo sono erbe come il coriandolo e il prezzemolo.
La colazione è più o meno come quella italiana. Latte, caffé, cacao, pane con burro, confettura, formaggio o prosciutto. Cornetti e dolci possono essere inclusi. Il caffé è consumato in tutta la giornata, soprattutto ristretto espresso [N.d.R.: avremo un caffé decente!]. Uova e pancetta sono ecluse.

Il portogallo è una nazione marittima che si riflette nel consumo di pesce e frutti di mare. Pesce grigliato, bollito, fritto o arrostito. Primo tra tutti il BACCALA’. Dicono che ci sono 365 modi per cucinarlo. [N.d.R.: Capperi, 😀 ] Seconde sono le sardine, soprattutto grigliate (sardinhas assadas), terzi arrivano i polipi, calamari, granchi, scampi, aragoste, merluzzi, tonni, branzini e una varietà di molluschi. La caldeirada è uno stufato di pesce, molluschi con patate, pomodori e cipolla [N.d.R.: ne voglio due porzioni!!!]

L’articolo su Wikipedia è barboso e fatto di spiegazioni per americani stolti…
“Eating meat and poultry on a daily basis was historically a privilege of the upper classes. Meat was a staple at a nobleman’s table during the Middle Ages. Bla bla bla”

Un vero ed abbondante “cozido” deve contenere manzo, maiale, salsicce e sanguinacci, zampetti, prosciutti, patate, carote, rape, ceci, cavoli e riso. “Tripas à moda do Porto”, è trippa con fagioli bianchi, originario del quattordicesimo secolo, durante il regno di Castiglia.

Molti altri piatti di carne sono parte della cucina portoghese.
“Alcatra”: manzo marinato nel vino rosso e aglio e quindi arrostito, ma questo solo sulle isole. Nel continente “alcatra”, una parola araba significante “pezzo o un po’”, riferito solo ad un preciso taglio di carne.
“Carne de porco à alentejana”, maiale fritto con molluschi, è un piatto popolare con un nome fuorviante perché originario di Algarve, non di Alentejo. Alentejo è una grande provincia agricola con un solo piccolo porto, Sines, e i molluschi non sono presenti. Invece, tutti i punti ad Algarve sono relativamente vicini alla costa e i maiali sono nutriti in genere con pesce. Così i molluschi distraggono dal capire che è il maiale fritto a sapere di pesce. [N.d.R: Geniale!!!]

Annunci