Non eravate stanchi del vecchio angolo? Con tre notizie asettiche che non si sa da dove vengano? Senza un minimo di sentimento? No? Siete noiosi! Io comunque
mi sono rotto e quindi ho deciso di testa mia di modificare l’angolo.

Una sola notizia alla volta, ma con l’aggiunta del richiestissimo “ma dove l’hai sentita questa?” e poi commenti, osservazioni e opinioni mie. Non vi interessa la mia opinione? Assurdo in un mondo dove esprimere la propria opinione non è più un diritto, ma un dovere, dove se non sei su Facebook a raccontare i fatti tuoi sei strano, dove la privacy è un lusso da vip e dove i giornalisti riprendono la gente fingendo che la telecamera sia spenta “tanto figurati se perde tempo a denunciarmi”.

Morale della favola, ecco il primo angolo:

Anno nuovo, vita nuova... angolo nuovo!
Da un po’ di mesi mi imbatto accidentalmente in versioni originalissime di recenti canzoni di grande successo.

Ascoltando la radio (un paio di mesi fa) ho sentito più volte 21 guns dei Green day in versione estremamente melodica, cantata da una voce femminile, ma con l’intervento anche di una maschile (il cantante dei Green day?) e di un coro.
Qualche giorno fa ho visto su VIVA (la TV musicale tedesca che viene replicata su
Canale 68) il video di Poker face di Lady Gaga in versione country. La cantava una bionda di cui non ricordo il nome.
Il massimo però è stato quando dall’autoradio sono uscite le note di Hot and cold di Katy Perry in versione rock and roll (tipo Beach boys per capirsi: voce maschile e coretti).

Ma che sta succedendo nel mondo della musica? Ipotizzo che qualche produttore si sia chiesto: “Abbiamo spremuto tutto lo spremibile da queste canzoni?”

Io avrei delle proposte da fare:

  • Grace Kelly di Mika in versione madrigale del ‘700;
  • Livin la vida loca di Ricky Martin cantatan da Placido Domingo;
  • una nuova versione di Pacman con colonna sonora Waka waka e tutti i fantasmini che si dimenano come Shakira.

wakawaka

Waka Waka, il clone di Pacman da giocare su Facebook

Annunci