La miglior offerta
  • Regia: Giuseppe Tornatore
  • Sceneggiatura: Giuseppe Tornatore
  • Musiche: Ennio Morricone
  • Interpreti e personaggi
    • Geoffrey Rush: Virgil Oldman
    • Jim Sturgess: Robert
    • Sylvia Hoeks: Claire Ibeson
    • Donald Sutherland: Billy Whistler
    • Liya Kebede: Sarah
Trama travisata.Il signor Virgil Oldman è proprietario e gestisce una famosa casa chiusa, volevo dire casa d’aste 😉

Ogni tanto va a battere nelle più grandi città del mondo, come una squillo di alto bordo 😉

La sua rispettabilità gli permette a volte di trarre delle opportunità dalla stoltezza della gente che ignora il valore dei beni che vende e in tanti anni ha accumulato parecchi tesori che come un drago avido e solitario custodisce nella sua caverna 🙂

Gli viene affidata la valutazione e la possibile vendita all’asta di molti dei beni appartenuti alla famiglia Ibeson, sarà il suo ultimo affare nel mondo dell’arte.

Miss Ibeson è però un tipo capriccioso, non si fa trovare o è rinchiusa in qualche stanza segreta della casa. Ma la verità è un’altra. Il guardiano di casa rivela a Oldman che la ventisettenne Claire Ibeson è malata.

“Anch’io ho una malattia”, rivela Oldman,” è quella di passare tangenti sotto i tavoli, che risulta figo da un punto di vista cinematografico ma capita spessissimo che pensino che stia puntando loro una pistola oppure che non capiscano il mio tentativo di corruzione” 😦

In ogni caso, Oldman riesce prima a parlare con Claire e in seguito con l’inganno a vederla mentre indossa un maglione blu. Riesce anche a farsi raccontare uno dei primi episodi in cui si era manifestata la malattia.

“Mi trovavo ai piedi della Torre Eiffel, ad un certo punto sono accasciata a terra strappandomi i vestiti e gridando Vive la France! sotto lo sguardo incredulo di mia madre.”

Oldman incontra nuovamente il guardiano e gli dice: “Ho capito di che malattia è affetta Miss Ibeson, penso si chiami Sanculottismo” 😀

“No signor Oldman, soffre di Agorafobia, che è la paura degli spazi aperti. Il fatto di non portare le mutande non è dovuto a psicosi ma a mignottaggine.” 🙂

Passa il tempo e la conoscenza tra Virgil e Claire diventa una relazione. Lui compra per lei fiori e vestiti, lei invece sa dire solo “He’s not so Old man” e lunaticamente accettare i regali con battutine del tipo “Mi hai comprato un vestito perché hai visto che non sono una cliente di Calzedonia, Intimissimi o Yamamay” oppure “Scusa, pensavo ad un’altra base d’asta” 😛

Di fronte a casa Ibeson si trova un bar:  qui può

  • giocare ai videogiochi
  • incontrare una nana che ripete in continuazione a memoria cifre di eventi accaduti fissando un green-screen che in post produzione verrà sostituito con una veduta di casa Ibeson
  • acquistare costose bottiglie di champagne

Durante la sua valutazione, Virgil trova dei rottami che Robert, il suo tecnico di fiducia, dice di poter assemblare. “Incrocia le dita, dall’ovetto potrebbe uscire un cylone o c3p0” 😀

Non voglio svelare il finale, non l’hanno fatto nei trailer 🙂 Comunque ho dato tutti gli elementi di questo giallo 😀

Regia di Tornatore stupenda, cast internazionale di alto livello con Geoffry Rush che dopo il Discorso del Re ha trovato un altro grande film per una grande interpretazione 🙂

Infine, ci sono le musiche di Ennio Morricone ad incorniciare e impreziosire una pellicola che ci fa sperare per ulteriori ottime visioni cinematografiche per il 2013 😀

Felice anno nuovo a tutti.

Annunci