Category: Vocabolario del regno


lemma astropsicologia

Definizione [a-stro-psi-co-lo-gì-a] n.f. [pl. -gie]

disciplina sperimentale che studia l’eventuale influsso degli astri sulla psiche umana e sul comportamento
Comp. di astro- e psicologia.

Lemma molcere
Sillabazione/Fonetica [mól-ce-re]
Etimologia Dal lat. mulcìre ‘carezzare, lambire’ e ‘dilettare, lenire’
Verbo
Definizione rar. mulcere, molcire [mol-cì-re], mulcire, v. tr. [usato nell’imperf. indic. (io molcévo ecc.) e congiunt. (io molcéssi ecc.), e nelle forme mólce, mólca, mólcano, molcèndo] (poet.) dilettare, allietare: quando più dolce / la rima molce / l’orecchio (SABA) | placare, lenire: e poi che nullo / vivente aspetto gli molcea la cura, / qui posava l’austero (FOSCOLO Sepolcri 192-194).

Lemma prono
Sillabazione/Fonetica [prò-no]
Etimologia Dal lat. pro¯nu(m), deriv. di pro¯ ‘avanti’

Definizione agg. (lett.)

  1. volto verso terra, chino
  2. (fig.) incline, propenso, disposto: le donne più facili e prone / a creder son (ARIOSTO O. F. XXXIV, 14)
  3. (fig.) pronto a cedere, ad assoggettarsi.

Incredibile! Hermione aveva ragione! La prossima volta sarò più prono a dare fiducia alle capacità dialettiche di Hermione 😀

da “Il Grande Dizionario Hazon Garzanti di Inglese 2009

lemma pay and display

Definizione n.

(sistema di) parcheggio (m.) a pagamento (in cui va esposto sul parabrezza il biglietto acquistato dalle apposite macchine emettitrici).


I parcheggi a pagamento sono la nuova scoperta dei comuni per rimpinguare le proprie finanze. A Vicenza sta diventando veramente difficile parcheggiare gratis e il costo di quelli a pagamento è folle (se un decimo del mio stipendio andasse al parcheggio ci sarebbe qualcosa di sbagliato. Non trovate?) Infatti sono quasi sempre deserti, spazi vuoti inutilizzati. Quando dico questo penso al Cairoli, quello vicino al Blockbuster.

Inoltre i pochi parcheggi delle traverse vicino al centro sono riservati ai residenti.

Ma io se voglio farmi una passeggiata in piazza dei Signori come faccio? L’ultima volta siamo arrivati a sistemare l’auto in prossimità del nuovo teatro.

Aspetto di vedere che cosa si inventeranno l’8 settembre. Le prospettive sono poche:

  • tutti pagheranno
  • non pagherà nessuno
  • non ci sarà nessuno
  • si intaseranno le strade di auto in cerca di parcheggio

Vedremo 😀

Stamattina sono uscito di casa con l’asciugamano intorno al collo (perché non avevo più mani disponibili) e mi stava venendo la bizzarra idea di fare l’autostop. Chissà dove sarei stato a quest’ora.

Chi capisce lo humor britannico riderà, gli altri mi prenderanno per pazzo. 😀

Molti di voi si sono domandati chi decide gli avatar su questo blog.

Dal mese di Maggio, la piattaforma wordpress.com che ci ospita permette di impostare un avatar di default automatico per personalizzare tutti coloro che commentino i post.

Al gestore del blog è permesso scegliere la categoria di gravatar da utilizzare in mancanza di uno specificato dal commentatore.

I gruppi sono:

Mystery Man
Blank
Gravatar Logo
Identicon (Generated)
Wavatar (Generated)
MonsterID (Generated)

Io ho scelto i Wavatar (o uauacosi) … mi sembravano abbastanza chiari e personificanti 😀

Se non vi piace il Wavatar che vi è capitato, potete sempre decidere di creare un gravatar vostro su http://www.gravatar.com

Ciao e buona lettura 😀

(da neologismo della settimana – Garzanti Linguistica)

lemma cabarettaro

Definizione [ca-ba-ret-tà-ro] agg. [f. -a; pl.m. -i, f. -e]

  • di, da cabaret: spettacolo in stile cabarettaro
  • n.m. [f. -a; pl.m. -i, f. -e] chi fa cabaret (per lo più in senso spregiativo).

(dal Grande Dizionario Garzanti 2008 )
Lemma turlupinatore
Sillabazione/Fonetica [tur-lu-pi-na-tó-re]
Definizione s. m. [f. -trice] chi turlupina, chi si fa malignamente gioco di qualcuno.

Lemma turlupinare
Sillabazione/Fonetica [tur-lu-pi-nà-re]
Etimologia Dal fr. turlupiner, deriv. di Turlupin, soprannome dell’attore comico fr. Henri Le Grand (m. 1634)
Definizione v. tr. raggirare, ingannare qualcuno carpendone la buona fede: fu vergognosamente turlupinato.

da Il Grande Dizionario Garzanti di Italiano 2008
lemma conservazionismo
Definizione [con-ser-va-zio-nì-Smo] n.m. [pl. -i]

  • tendenza ad alterare il meno possibile l’ambiente naturale e a intervenire per ripristinarlo dove necessario.

Lemma autogeno
Sillabazione/Fonetica [au-tò-ge-no]
Etimologia Dal gr. autoghenés ‘che si genera da sé’, comp. di auto- ‘auto-1’ e ghénos ‘nascita’
Definizione agg. che si produce da sé | saldatura autogena, (tecn.) operata con la semplice fusione delle parti da saldare, senza impiego di lega saldante | training autogeno, (psicol.) tecnica di rilassamento con effetti psicoterapeutici, praticabile autonomamente dal paziente.


Ciao a tutti. Buona pasqua e pasquetta in ritardo! Come siete riusciti a rovinare il vostro primo weekend lungo dell’anno?

Io, mia sorella e amici vari avevamo:

  • un piano A se la giornata avesse mostrato una temperatura mite e il sole. Un picnic improvvisato nella pineta di Brendola
  • un piano B, ma più probabile, se avesse piovuto tutto il giorno prima e ieri fosse stato fresco. Ci saremmo rintanati in una piscina coperta e avremmo passato una giornata a mollo in acque riscaldate

Inutile dire che ieri eravamo diretti verso il piano B, quando abbiamo pescato la carta imprevisti “Un’auto della carovana si ferma in autostrada, rimanete fermi per tre turni all’autogrill di Soave” e decidiamo per il piano C: pranzo improvvisato e passeggiata a Verona.

Giornata comunque interessante, giornata comunque stressante, giornata comunque troppo breve.

Alle 21 ero già a letto, stracchissimo.

Alle 23.30 arriva una telefonata che ho sentito a malapena. Erano i miei che, di ritorno dal giro organizzato della toscana, mi chiedevano di andarli a prendere. L’Atos derelitta, ferma per tre giorni nel piazzale dell’agenzia di viaggi, non ne voleva sapere di muoversi.

Rivestiti, scendi, prendi il booster per l’avviamento. Prendi DeMy La Swift e via. Non ricordo molto, ho fatto tutto abbastanza automaticamente. Mi ricordo di aver risposto alla telefonata con una serie di Okey, okey, okey, okey… e poi ero su quel piazzale. Magico garantito!

Ora ho ancora sonno 😦
Stasera devo reggere una seduta in palestra e una lezione di cinema. Come faccio?

Inoltre ho ancora da scrivere i compiti per casa del corso di scrittura creativa. “I libri che non mi sono piaciuti“. Butterò giù qualche riga giovedì sera, lì per lì.

Buona ripresa di settimana a tutti.

da Il Grande Dizionario Garzanti di Italiano 2008

lemma antiparticolato

Definizione [an-ti-par-ti-co-là-to] agg. m. e f. invar.

si dice di dispositivo capace di abbattere l’emissione di polveri sottili prodotta dai motori diesel: filtro, catalizzatori antiparticolato

Comp. di anti-1 e particolato.

Lemma pileo
Sillabazione/Fonetica [pì-le-o]
Etimologia Dal lat. pile°u(m); cfr. il gr. pîlos ‘feltro’
Definizione s. m.

  1. nell’antica Roma e presso i popoli italici, copricapo di foggia conica, di feltro o cuoio
  2. (zool.) la parte del capo degli uccelli che sovrasta il becco.

Martedì sono andato alla prima lezione di cinema.

Interessante.

Ho scoperto che lo Stupore è qualcosa di evolutivo, che deve essere generato da qualcosa di nuovo nel tempo (ok, altrimenti che stupore sarebbe) ma anche per motivi diversi.

In questi giorni mi sono visto su youtube dei filmati dei primi anni del 1900 di Georges Melies, prima prestigiatore e poi padre degli Effetti speciali nell’arte del cinema. Un grande visionario!

Se volete guardarli… poi mi date la vostra impressione 😀

da “Il Grande Dizionario Garzanti di Italiano 2008

lemma osservazionale

Definizione [os-ser-va-zio-nà-le] agg. m. e f. [pl. -i]

che si fonda sull’osservazione oggettiva e scientifica dei fenomeni fisici, della natura, dell’uomo ecc.: studio, conoscenza osservazionale

Deriv. di osservazione.

Lemma cacata
Sillabazione/Fonetica [ca-cà-ta]
Definizione region. cagata, s. f. (volg.)

  1. il cacare
  2. sterco, feci
  3. (fig.) cosa di nessun valore; cosa brutta, fatta male. DIM. cacatina.

AVVISO GENERALE da vlad

Vuoi che per una settimana l’angolo di Paolo diventi il tuo angolo?
Semplice: devi solo inviarmi le componenti necessarie ad un angolo, cioè:

1 titolo: una frase, una citazione, uno slogan. Qualsiasi cosa, basta che “suoni da titolo“.

3 notizie curiose: è la componente fondamentale. Puoi prenderle da qualsiasi fonte (TV, giornali, chiacchiere, discorsi di altri, vaghi ricordi). Non importa che le fonti siano attendibili (anche un vago “mi pare” va bene).

almeno 1 domanda: di qualsiasi tipo e di qualsiasi difficoltà, tanto c’è Wikipedia che ha tutte le risposte 😦

Aspetto il TUO angolo.

Dove devi inviarlo? Puoi scegliere:

  • all’email del regno, ovvero gigionia@gmail.com (verrà girata a vlad per una informale e ufficiosa approvazione)
  • all’email di vlad, se la conoscete 😀
  • all’indirizzo di casa di vlad, se sapete dove abita 😀

Just do it!

PS: Se inviate immagini, un banner o link esterni a corredo, il regno di Gigionia sarà lieto di pubblicare il tuo angolo nella veste personalizzata 😀

Ora che lo sciopero degli sceneggiatori si è risolto, le case di produzione e le reti televisive americane stanno pianificando il futuro. In questo periodo, per vedere qualcosa, ho dovuto scovare la serie Battlestar Galactica del 2003, remake di quella breve e gloriosa del 1978 con Dick Benedick (Sberla dell’A-Team). L’avevo archiviato tra i “Li Vedrò” nei momenti bui, per malattie prolungate o per sciopero degli sceneggiatori. Meno male che è arrivato l’ultimo e non gli altri 😀

Comunque, risolto lo sciopero, riprenderanno a metterlo in onda da Aprile. La quarta serie inizierà giusto per il mio compleanno 😀

Ho tempo per mettermi al pari e poi seguirlo in lingua 😀

Il primo dei film conclusivi di Stargate SG1, lo vedrò il prossimo mese, uscita l’11 Marzo su sci-fi. Se voi aspettate FOX, mi spiace per voi 😦

Ho scoperto che a metà marzo inizieranno dei corsi di cinema e scrittura creativa a Montecchio Maggiore.

Sembra un sogno 😀

Per maggiori informazioni vi passo i link, pensateci su almeno un momento.

CORSO DI CINEMA e VIDEODROME

ESERCIZI di STILE

da “Il Grande Dizionario Garzanti di Italiano 2008”
lemma kumquat
Definizione [kum-quàt] n.m. invar.

  • pianta di origine cinese appartenente agli agrumi, che si coltiva a scopo ornamentale e per i frutti, simili a piccolissime arance, che si mangiano con la buccia | il frutto stesso

Voce ingl., dal cinese jinjiu ’arancia dorata’ nella pronuncia cantonese.

dal Vocabolario di vlad

lemma gravacoso
Definizione
[gra-va-cò-so] n.m. sing.

  • oggetto rappresentato in un avatar, o immagine identificativa associata ad una persona, visibile all’interno dei commenti lasciati da una stessa persona.
  • trasposizione di quanto illustrato in Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello riferito alla persona, in un’immagine che è unica ma atta ad essere interpretata e distorta a seconda della persona che la guarda, ma anche a scomparire a volte 😀

Usato per la prima volta in Rinocannibalismo intergenerazionale .

Da un po’ la piattaforma WordPress con cui è fatto questo blog permette a chiunque voglia di lasciare un commento con associato un avatar (immagine identificativa della persona: in questo caso, di chi ha lasciato il commento) anche se non ha un account WordPress e/o un blog su tale piattaforma.

Come?

Ci si deve registrare gratuitamente a Gravatar e ricordarsi di lasciare il commento con l’indirizzo della casella di posta elettronica utilizzata per la propria registrazione.

Le istruzioni sono in inglese, spero le capiate. 😀

Il procedimento è più o meno questo:

  1. registrate il vostro indirizzo, scrivendolo nella casella di testo della pagina del sito e premendo signup
  2. Gravatar vi invia un’e-mail Welcome to Gravatar alla casella indicata. Aprendola, troverete un collegamento che vi riporterà sul sito di gravatar per terminare la registrazione.
  3. Vi chiederà una password per i prossimi accessi (spero non vogliate usare la stessa della casella 😛 ) e una o più immagini da associare alla registrazione. Solo una, però, può essere selezionata come attiva per la registrazione.

Spero vi sia utile 😀

Ciao.

Nuovo dominio, abitudini antiche…

E’ da un po’ che non allargavamo il vocabolario 😀

(da Il Grande Dizionario Garzanti di Italiano 2008)
lemma botox
Definizione [bò-tox] n.m. invar.
farmaco a base di tossina botulinica usato nelle cure estetiche per spianare le rughe
Abbr. di bot(ulinum) tox(in) ‘tossina botulinica’.

(dal vocabolario di 2g)

lemma anacronizzante

Definizione [a-na-cro-niz-zan-te] participio presente del verbo anacronizzare

lemma anacronizzare

Definizione [a-na-cro-niz-za-re] v. tr. rendere anacronistico cosa o persona

Da un po’ non pubblicavo un post al solo scopo di raccontare del quotidiano.

Lo scorso fine settimana è stato abbastanza movimentato da richiederne una affermazione nel blog. Inizio col sabato…

Lisa Cisco e Feder-ico Nardi Zoccante si sono sposati a Montebello Vicentino sabato scorso. Bella cerimonia, quasi quanto un papiro di laurea 😀

Io ero convinto che la celebrazione iniziasse alle 10 (invece era alle 11 ed ero sul posto dalle 9 e 30 😦 ) .

Antonio ci voleva portare tutti a Bosco di Nanto, amena locazione sui monti berici, convinto fosselì il matrimonio.

E’ stato difficile svegliarsi il sabato mattina (soprattutto per vlad).

Durante la cerimonia attimi di panico quando la bambina-paggio è fuggita per la navata con le fedi.

Noi intanto giocavamo a sarabanda con le canzoni di accompagnamento, Dorothy abbinava gonne e maglie portate da invitate diverse e ogni tanto scappava qualche battuta sarcastica. Come ho detto lì: “Stiamo facendo a gara a chi fa ribollire prima l’acquasanta?”. Sembra però che la chiesa sia l’unico luogo in cui vlad lascia fuori la sua verve. Non era molto in partita o stava ancora dormendo? 😀

Una volta usciti dalla chiesa gli sposini sono stati travolti da 4 chili di riso arborio. Pioveva, quindi niente foto artistiche ma solo quelle necessarie di gruppo. Dopodiché Feder-ico ha caricato Lisa su una cariola e sono partiti verso il ristorante.

Ok, e noi? 😀

Siamo andati a mangiare alla Malga DeLuca-Buffolo. 😀

Antipasto di patatine, un ottimo ragù con le pappardelle preparate da Laura e di secondo affettati e formaggi. Dopo pranzo c’é chi ha scelto la visità degli ambienti e chi ha tentato il suicidio per noia guardando Match Point.

Provate anche voi la Malga DeLuca-Buffolo 😀

Durante il pranzo sono scaturiti dal vocabolario di Dorothy alcuni termini coloriti. Uno di questi è “coesso“.

(dal vocabolario di Dorothy)

Lemma coesso

agg. m. s.

Si dice di alimento che perde la sua proprietà tattile e al palato perché divenuto umido-morbido-gommoso.

Casi riscontrati in natura d’intrinseca coessità: pane, patatine fritte industriali in busta.

Dorothy affermava che dalle parti di Brescia il concetto è espresso col termine “asciutto“. Ho detto ai presenti che quando che avrei dai miei genitori un termine per “coesso” in un differente dialetto. La conversazione è stata più o meno così.

Io: Padre, sapete voi cosa voglia significare coesso per generi alimentari, come il pane?

Padre: No, adorattissimo figliuolo. Ammettiamo la nostra lacuna. Ma orsù, spiegate!

Io: Il volgarissimo pane che il popolo assume, pare, per sostentamento, prima che arrivi sera, diventi spugnoso, gommoso, ottenendo il qualificativo di “coesso“, appunto.

Padre: Oh, sì. Mi parve di vederlo una volta, di lontano, durante un safari oltre i limiti estremi dei nostri possedimenti. Terre selveggie ed empie, quelle. Voi eravate troppo piccolo per averne delle rimembranze. Immaginavo fosse una forma primitiva di sfera utilizzata nello squash o nel nobilissimo tennis e…

Vi! Prego! Fermatemi! Mi! Sta! Prendendo! La! Mano! Basta!

In poche parole, mio padre ha detto che, dalle sue parti, il pane non diventa mai coesso. Avete mai visto una pagnotta di grano duro diventare coessa? No! Dopo una settimana è ancora ottimo per fare bruschette 😀

Comunque riprendiamo la trama originaria.

Dopo il pranzo e il pomeriggio passati assieme, Laura e il marito, Antonio, vlad, Dorothy, Anna e rispettivi ragazzi, Antonio, vlad e io siamo andati al rinfresco serale del matrimonio.

Per far ballare la gente mi dovuto mettere a piangere 😦

Mi stavo annoiando, cosa che permetto solo sul luogo di lavoro se non trovo di meglio da fare. Volevo divertimi, dimenarmi. Dorothy sosterra che ero ubriaco o peggio ormonato. Diffidate 😀

(da Il Grande Dizionario Garzanti di Italiano 2007)
lemma cyberspazzatura
Definizione [cy-ber-spaz-za-tù-ra] n.f. [pl. -e]

  1. contenuti presenti sul web di scarsissimo valore, di pessimo gusto, di nessuna utilità
  2. computer guasti, che devono essere smaltiti o rottamati

Comp. di cyber- e spazzatura.


Modifica alla definizione di trilogizzare
Precedente definizione:

  1. Accostare idealmente ad un’opera altre due di contenuto simile per estendere e completare la trama della prima.

Nuova definizione:

  1. Accostare idealmente ad un’opera riuscita e già compiuta due di contenuto simile, la prima delle due senza finale allo scopo di essere unito strettamente alla seconda, per estendere e completare la trama dell’opera originale.

Paolo deve avere un filtro passa alto per le cazzate: sabato sera io ho detto

Grandi novità! Penso di aver tentato il suicidio 2 volte questa settimana, ingoiando una lente a contatto e una lisca di pesce. Inoltre mi sono accorto di aver sostituito la domanda retorica “Che c***o vuoi?” con “Ciao”

Poi sono arrivati Faso e signora e ho detto: “Ciao!” 😀

La parte strana è che Paolo mi ha domandato come mi sono strozzato con una spina di pesce.

Ha o non ha un filtro?

Cmq, venite Mercoledi! Dove? Ovvio, alla rappresentazione teatrale “Aspettando Godot” (S. Beckett) al teatro comunale di Lonigo. Tra gli attori da poter insultare a fine spettacolo ci saranno Paolo e Anna. Due ottimissimi motivi, no?
Uova e verdura non bastano mai in queste occasioni… 😀