Tag Archive: Dreamworks


locandina

locandina

Mostri contro alieni
Titolo originale: Monsters vs. Aliens
Paese: USA
Anno: 2009
Genere: animazione 3-D
Regia: Rob Letterman, Conrad Vernon
Soggetto: Michael J. Wilson
Casa di produzione: DreamWorks Animation, PDI
Distribuzione (Italia): Universal Pictures
Animatori: DreamWorks Animation
Doppiatori originali:

  • Reese Witherspoon: Susan Murphy / Ginormica
  • Raul Rudd: Derek
  • Hugh Laurie: Dr. Cockroach, Ph.D.
  • Will Arnett: Missing Link
  • Seth Rogen: B.O.B.
  • Kiefer Sutherland: Gen. W.R. Monger
  • Stephen Colbert: il Presidente
  • Rainn Wilson: Gallaxhar

Musiche: Henry Jackman

scena

scena

Trama travisata.

Susan (Reese La rivincita delle bionde Witherspoon) si sta per sposare con Derek ma una meteorite piena di quantonium la trasforma in una gigante-superforte. Questo inconveniente e l’arrivo delle forze speciali che catturano, immobilizzano e sedano Susan, come i lillipuziani con Gulliver, farà annullare la cerimonia e la vita di Susan prenderà un’imprevedibile virata nel mondo della Fantascienza.

Ribattezzata Ginormica, farà conoscenza con i suoi compagni di prigionia:

  • B.O.B (Seth Molto incinta Rogen): un esperimento dell’industria alimentare andato male, con la consistenza della gelatina, parodia del Blob.
  • Anello Mancante (Will Arnett): scongelato e rianimato per la curiosità umana, è un essere a metà tra una scimmia, un pesce, un pugile, un nuotatore e un maestro di karate, con tutti i difetti e nessun pregio specifico 😛
  • Il dottor Scarafaggio (Hugh House MD Laurie): scienziato pazzo che cercando di allungarsi la vita ha sottovalutato grandemente l’aspetto estetico del risultato finale
  • Insettosauro (Conrad Vernon, che ha dato la voce anche la mamma di Derek e altri personaggi secondari): un bruco che è cresciuto a dismisura per gli effetti radiattivi di una esplosione nucleare.

Svolta della vicenda, l’alieno Gallaxhar vuole riprendersi il suo quantonium. Invece di chiederne gentilmente la restituzione, si mette alla ricerca di Ginormica, distruggendo tutto ciò che s’interpone. Solo la sua stupidità salverà gli umani da un olocausto mondiale. 😛

B.O.B.: Derek was dating you too? That two timing jerk!

Commander: Don’t push that button.
The President of the United States: Why not? This is the coffee button.
Commander: No that launches every missile we have.
The President of the United States: Which one is the coffee button then?
Commander: The one on the right.
The President of the United States: That’s right.

Gallaxhar: [after his plot to invade Earth has been completely foiled] Oh… Spaceballs!

Gallaxhar: Quadrant four? Lame.

La ricetta ideata per Shrek funziona perfettamente anche per la fantascienza.

Numerosissime sono le citazioni, a metà via tra parodie e celebrazioni, dai film e dalle serie televisive sci-fi e horror come Star Trek, Star Wars, Balle spaziali, Incontri ravvicinati del terzo tipo, X-files, Independence Day e tanti tanti altri.

E’ ovvio che per ridere, bisogna conoscere da dove sono state tratte. Altrimenti sarebbe come vedere Shrek senza sapere la storia di Cappuccetto rosso, Pinocchio e le altre favole, insomma!

La storia generale, invece, non ha bisogno di particolari prerequisiti 😀

Attendo, sperando che ci sia, un seguito con Escargantua, la lumaca caduta nella sala di reazione della centrale nucleare francese, sperando che prendano in giro Ritorno al futuro 😛

TOP MOMENTO: ho ricaricato la tessera prepagata del cinema. Ho generato una coda di 12 persone che mi volevano uccidere 😦

Annunci
Kung Fu Panda è l’erede di Bee Movie ma è lungi dall’esserne migliore. Carino sì, ma non da ricordare… e forse so perché. Nella versione italiana i doppiatori (tranne Fabio Volo che è la voce bresciana del panda Po) sono tutti professionisti ma non famosi. La versione originale ha le voci di Jack Black, Lucy Liu, Angelina Jolie, Dustin Hoffman, Jackie Chan e altri. Ovvio che il budget sia spostato a discapito dell’originalità sceneggiativa. Poche battute spassose e molte già usate in altre produzioni precedenti.

Trama travisata.

Po è il figlio di un oca (mistero che avvolgerà tutto il film) e lavorano entrambi nel business degli spaghetti di riso in brodo. Po sogna di diventare celeberrimo come le 5 furie e il destino vuole ad ogni costo che lui lo diventi. Il pretesto è la fuga del temibile Tai Lung, ma poteve essere una buccia di banana … o anche cavalli ;D

L’importante è credere in se stessi, come al solito. 😀

loc
Durante le vacanze di natale è un rito familiare andare a vedere un cartone animato. Da piccolo papà accompagnava me e i miei cugini a vedere “Oliver e Company” e altri film Disney. Ora che siamo tutti cresciuti, ci andiamo da soli. Un giorno forse sarò io ad accompagnare qualcuno 😀

Quest’anno la scelta è caduta su “Bee Movie”

Come il primo Shrek, è un prodotto Dreamworks pensato per i bambini e arricchito di battute per gli adulti. Non è affatto un B-Movie!!! Lo studio grafico è eccezionale, al pari di Madagascar e Shrek per intenderci.

La trama è semplice per la comprensione di tutti, ma si presta a più letture. Un film da vedere e rivedere direi 😀

La giovane ape Barry, diplomata con il corso delle 9:15 (dopo 3 giorni di elementari, 3 di medie e 3 di superiori) si trova di fronte ad una scelta vincolante nella vita di un’ape. Il lavoro! Il ruolo all’interno dell’alveare è unico nella corta vita dell’ape e per Barry questo è inconcepibile. Quindi decide di scappare per un giorno dall’alveare e esplorare l’esterno.

Nella sua gita conosce Vanessa, una fiorista, e infrange una regola apese: “Mai parlare con gli umani”. Le api parlano, ok! regolare, è un cartone animato.

Da questa amicizia trae numerose informazioni sul mondo esterno e soprattutto viene a scoprire che alcune api vengono tenute in schiavitù, ingannate e affumicate da umani che traggono beneficio dal miele. Ne nasce una battaglia legale “api contro apicultori” che porterà più danni (l’estinzione di gran parte del genere vegetale e animale, non poco 😀 ) che giustizia. In medio stat virtus, dicevano gli antichi. Alla fine ci arriveranno anche le api. 😀

Finisce con una mucca che confessa a Barry di sentirsi a volte solo un pezzo di carne e una zanzara che dichiara che è sempre stata un parassita succhiasangue e le mancava solo la ventriquattrore per essere scambiato per un avvocato.

Bello!
Bello!
Bello! 😀
Tanti temi, forse poco approfonditi. Ma è un cartone per bambini. Credo che vada bene così 😀

Che voi odiate le api o no, vale la pena vedere questa storia.

Cow: You’re a lawyer too?
Mooseblood: Ma’am, I was already a bloodsucking parasite. All I needed was a briefcase!

Adam Flayman: Are you going to his funeral?
Barry B. Benson: No way. Everyone knows you sting someone, you die. You don’t waste it on a squirrel. He was such a hothead.

shrek

 

Right! Ladies, assume the position!

E rieccoci al regno di Molto molto lontano, dove un orco fa le veci di un re ranocchio malato. Per quanto mi riguarda non ho molta voglia di parlare del film, non mi è piaciuto come gli altri.

Parliamo di Tremotino, personaggio di una fiaba firmata Grimm Brothers. Potete trovare la storia qui.

Ok, parliamo del film. Immagini perfette, dialoghi soliti. Penso che si riesca a ricreare i dialoghi del Terzo con le frasi del primo e secondo film. 😀

Sinossi travisata, ovvio. Se ne volete una attendibile è il blog sbagliato.

Shrek, l’orco, è ormai il benvoluto vice-re di Molto molto lontano. Ma le sue prove di regalità gli fanno comprendere che non è tagliato per fare il futuro re-consorte di Fiona, figlia del malato re ranocchio.

Quindi alla morte di questo lui parte immediatamente alla ricerca dell’erede perfetto: “Arthur Pendragon”.

Ma arrivati, scoprono che Artie è uno “sfigato che va al liceo”. Cosa fare? Niente, se lo caricano comunque e tornano a casa.

Sulla strada scoprono che Molto molto lontano è stata attaccata da tutti i personaggi che non hanno superato le audizioni dei primi due film, comandati da Azzurro che cerca la vendetta personale contro Shrek.

Che dire, Artie si rivela il re ideale: con due parole mette comunione tra buoni e cattivi. L’unico poco convinto è Azzurro, la cui vendetta è lungi dall’essere compiuta. Ci sarà un shrek 4 per questo nel 2010. Vendetta molto fredda 😀

In mezzo c’é anche il fatto che Fiona è incinta, che Shrek è convinto che non sarà un buon padre e rovinerà tutto, come sempre. Finale poco a sorpresa…

Valutazione: aspettate il dvd. Le immagini sono spettacolari come ci hanno abituato, la storia è scarna (non che gli altri fossero complicati…). Ma soprattutto mancano la pungente dissacrazione delle fiabe e i continui riferimenti ai film recenti, punto di forza degli altri shrek.
Titoli vagliati e scartati:
“Ho desiderio di maternità. Non desidero nemmeno la sovranità”
“Dreamworks raschia il barile delle fiabe”