Tag Archive: Robert Downey Jr.


Prossimamente: 23 luglio 2010

Ho due proposte per il prossimo weekend al cinema. Escono sia The losers che Il solista. Sono due film completamente diversi. Guardate il trailer e ditemi quale preferite 😛

Un film d’azione, effetti speciali e qualche battuta in cui ci sono Zoe Saldana (Neitiri – Avatar e Uhura – Star Trek), Chris Evans (Torcia Umana e prossimo Capitan American)

Un film toccante con Jamie Foxx, Robert Downey Jr e diretto da Joe Wright (già di Espiazione e Orgoglio e Pregiudizio) la cui uscita, non so per quale motivo, in Italia è stato rinviata di un anno e mezzo 😦

Le votazioni di entrambi i film sono abbastanza buoni 😀

Annunci
Iron Man 2

Locandina

Locandina

Paese: USA
Anno: 2010
Durata: 124 min
Genere: azione, supereroi
Regia: Jon Favreau
Soggetto: dal fumetto Marvel Comics
Sceneggiatura: Justin Theroux
Produttore: Kevin Feige
Produttore esecutivo: Stan Lee, Susan Downey, Jon Favreau, Denis L. Stewart, Louis D’Esposito, David Maisel, Alan Fine, Jeremy Latcham, Victoria Alonso
Casa di produzione: Marvel Studios
Distribuzione (Italia): Universal Pictures
Interpreti e personaggi

  • Robert Downey Jr.: Tony Stark/Iron Man
  • Gwyneth Paltrow: Virginia “Pepper” Potts
  • Don Cheadle: James “Rhodey” Rhodes/War Machine
  • Scarlett Johansson: Nathalie Rushman/Natasha Romanoff
  • Sam Rockwell: Justin Hammer
  • Mickey Rourke: Ivan Vanko/Whiplash
  • Samuel L. Jackson: Nick Fury
  • Jon Favreau: Harold “Happy” Hogan
  • Leslie Bibb: Christine Everhart
  • John Slattery: Howard Stark
  • Clark Gregg: Agente Phil Coulson
  • Garry Shandling: Senatore Stern
  • Olivia Munn: Chess Roberts
  • Kate Mara: Agente Marshal
  • Stan Lee: Larry King
  • Jack White: Jack
  • Margy Moore: Bambi Arbogast

Fotografia: Matthew Libatique
Montaggio: Dan Lebental, Richard Pearson
Musiche: John Debney, AC/DC
Scenografia: J. Michael Riva
Costumi: Mary Zophres

Trama travisata

Alla morte del padre, Ivan Vanko ha un solo obiettivo nella vita: cancellare dalla storia la famiglia Stark con cui il padre aveva un conto aperto. Anche se sa che l’ultimo discendente, Tony, è malato e ha meno di un anno per trovere una cura per combattere l’avvelenamento da palladio che lo sta uccidendo, non gli basta: vuole avere una parte attiva 😛

Si presenta nel principato di Monaco con due simpatiche fruste elettriche con tutta l’intenzione di fare un giochetto sadico.  😀

E mentre Ivan già dice “Hai perso!“, il regista entra in scena, interviene in aiuto di Stark e investe Ivan con una Rolls Royce. Ditemi voi se non è un deus ex machina questo! 😛

Tutto sembra congiurare contro Tony Stark:

  • Vanko fugge dalla prigione
  • l’esercito e i politici vogliono il controllo sull’armatura Iron Man
  • la Hammer Industries, subentrata alla Stark nell’appalto delle armi belliche all’esercito degli States, non vuole sfigurare e quindi vuole impadronirsi dei segreti industriali del rivale
  • il palladio sta decisamente compromettendo la salute di Stark

Ed ecco che arriva Nick Fury che rivela a Tony che suo padre, Howard Stark, faceva il guerrafondaio in attesa di tempi migliori, ma il suo vero obiettivo era sempre stato quello di migliorare l’umanità attraverso l’uso sapiente della tecnologia. Aveva trovato una fonte potentissima di energia pulita alternativa, ma per mille motivi non aveva i mezzi tecnici per generarla.

Tony, con l’ausilio di quattro tubi e una chiave inglese, porta a termine il sogno del padre e scopre che la nuova fonte d’energia è un ottimo sostituto del palladio che lo sta avvelenando. Che culo!

Intanto, Vanko collabora con Justin Hammer per migliorare il livello degli armamenti dell’industria bellica e l’amico di Tony Stark ruba un modello di Iron Man (Mark II) che diverrà War Machine.

La collaborazione di Vanko termina quando più gli è comodo e attacca Los Angeles con i droni costruiti per la Hammer. Ad Iron Man e a War Machine il compito di dare più spettacolo possibile durante la battaglia, fino alla resa dei conti con Ivan Vanko 😀 😀

Tony Stark: What’s the point of owning a race car if you can’t drive it?

Senator Stern: [from trailer] Our priority here is to have you turn over the Iron Man weapon to the American people.
Tony Stark: Well, you can forget it. We’re safe. America is secure. You want my property – you can’t have it! But I did you a big favor.
[stands and turns to face the Senate gallery]
Tony Stark: I have successfully privatized world peace.
[He flashes the peace sign, to standing applause]

Ivan Vanko: [watching Stark on TV] You come from a family of thieves, and butchers. And like all guilty men, you try to rewrite your history, to forget all the lives the Stark family has destroyed.
[later, he works on a machine]
Ivan Vanko: There will be blood in the water, and the sharks will come…

Valutazione finale.
C’è chi si aspettava una storia con più combattimento, chi con più sentimento. Io me la immaginavo così come poi è stata. Divertente e dissacrante! 😀

Rispetto al primo è più inverosimile, troppo semplicistico e fumettoso. Inoltre hanno cambiato l’attore interprete del colonnello Rhodes. 😦

Il prossimo lavoro come regista di Jon Favreau sarà Cowboys & Aliens e ha molti punti di interesse:

  • sceneggiatura di Lindelof, Kurzman e Orci (Alias, Lost… Star Trek)
  • con Harrison Ford, Daniel Craig e Sam Rockwell e Olivia Wilde.

Sono curioso di sapere come sarà 😀 😀

Sherlock Holmes
locandina

Locandina

scena

Scena

Lingua originale: Inglese
Paese: UK/USA/Australia
Anno: 2009
Durata: 128 minuti
Genere: azione, avventura, crimine
Regia: Guy Ritchie
Soggetto: Arthur Conan Doyle (personaggio)
Lionel Wigram (graphic novel)
Sceneggiatura: Simon Kinberg, Mike Johnson, Anthony Peckham, Guy Ritchie
Produttore: Susan Downey, Dan Lin, Joel Silver, Lionel Wigram
Produttore esecutivo: Steve Clark-Hall, Bruce Berman
Casa di produzione: Lin Pictures, Silver Pictures, Village Roadshow Pictures, Wigram Productions
Interpreti e personaggi

  • Robert Downey Jr.: Sherlock Holmes
  • Jude Law: Dottor Watson
  • Rachel McAdams: Irene Adler
  • Mark Strong: Lord Blackwood
  • Kelly Reilly: Mary Morstan
  • Eddie Marsan: Isp. Lestrade
  • William Houston: Clark
  • Hans Matheson: Lord Coward
  • James Fox: Sir Thomas
  • Clive Russell: Cap. Tanner
  • William Hope: John Standish

Doppiatori italiani:

  • Luca Ward: Sherlock Holmes
  • Riccardo Niseem Onorato: Dottor Watson
  • Federica De Bortoli: Irene Adler
  • Massimo De Ambrosis: Lord Blackwood
  • Valentina Mari: Mary Morstan
  • Edoardo Stoppacciaro: Isp. Lestrade
  • Andrea Lavagnino: Clark
  • Fabio Boccanera: Lord Coward
  • Emilio Cappuccio: Sir Thomas
  • Giorgio Lopez: Cap. Tanner
  • Angelo Nicotra: John Standish
  • Pino Insegno: Prof. Moriarty

Fotografia: Philippe Rousselot
Montaggio: James Herbert
Musiche: Hans Zimmer
Scenografia: Sarah Greenwood

Trama travisata.

Lord Blackwood ha fatto davvero il cattivone, ma questa volta è stato sgamato mentre stava compiendo l’ennesimo rito sacrilego e sarà condannato a morte 😛

Ma qualcosa va storto, la sua tomba viene profanata e il suo corpo è stato scambiato con un altro.

Visto che Sherlock Holmes e il dottor Watson sono coinvolti fin dall’inizio è giusto che seguino lo svolgimento della vicenda 😀

Il redivivo Blackwood sembra essere immortale e invincibile. Riusciranno acume e saggezza a sconfigge mistero e misticismo? 😀 😀

Valutazione finale.

Non è la solita rappresentazione di Sherlock Holmes quella proposta in questo film. Poco londinese, anzi poco englishman. Può essere considerato uno stupro dell’opera di Conan Doyle, ma a parte questo il film è divertente e con dei ritmi moderni.

Robert Downey Jr, Mark Strong e Jude Law sono perfetti, la regia e il montaggio hanno qualche falla. Speriamo che il sequel (ci sarà di sicuro, è già stato programmato) sia migliore! 😀 😀

[Holmes is handcuffed to the bed naked with only a pillow covering him. A maid walks in and screams]
Sherlock Holmes: Madame, I need you to remain calm and trust me, I’m a professional. Beneath this pillow lies the key to my release.
[the maid screams again and runs away]

Tropic Thunder è un film che parla del cinema: il suo mondo e le sue regole.

Cosa distingue un attore più bravo degli altri? Io penso sia il fatto che riesca a rendere unico ogni ruolo che interpreti e si sappia mettere in gioco continuamente. Questo porta ad un’unica conclusione: lo Star System (cioè la tacita regola per cui ad un attore vengono date parti simili a quelle già interpretate) è morto e sepolto. Soprattutto non è più sopportabile vedere uno stesso attore fare lo stesso personaggio per più storie.

Cosa distingue un regista in gamba dagli altri? Perché impone la propria visione della storia allo spettatore, manipola gli attori affinché diano il meglio, perché la visione del prodotto finale suscita un’emozione immediata (con sorpresa e suspense), propone una riflessione aperta alle opinioni alla fine del film (mi è piaciuto o no, qual è la morale) o è distinguibile nettamente tra i ricordi.

Se ciò premia un attore e un regista, Ben Stiller riceverà almeno due “scimmie urlanti” al prossimo Festival di Pechino 😛

scene

Trama travisata.

Tugg Speedman (Ben Stiller) attore in declino dopo una serie infinita di film di fantascienza/azione, si ritrova a tentare la risalita interpretando il protagonista di un film di guerra. Assieme a lui nel cast:

  • Jeff Portnoy (Jack Black), attore comico caratterista (se una scorreggia caratterizza un attore…) con un lieve problema di dipendenza
  • Kirk Lazarus (Robert Downey Jr.), attore famoso per la sua stravaganza e il suo impegno interpretativo che lo costringe ad immedesimarsi nel personaggio anche fuori dal set
  • Alpa Chino (Brandon T. Jackson), cantante del successo “I love the pussy” a cui, sull’onda, è stata offerta una parte minore, ma comunque di rilievo
  • Kevin Sandursky (Jay Baruchel), giovane esordiente con tante aspirazioni e molto più preparato dei suoi colleghi veterani

La competizione crea i primi problemi, l’inettitudine degli operatori (regista e produttori) li aumentano. Tugg e gli altri si ritrovano a dover fare squadra per poter sopravvivere. Alla fine non importa a nessuno del film, sono tutti alla ricerca della loro identità. Chi sono gli attori? Sono i loro personaggi, pura illusione, o sono le persone di carne e sangue, con dei sentimenti e pensieri propri? Tugg e Kirk rimangono indecisi sino al finale, gli altri hanno la loro risposta un po’ prima 😀

Kevin Sandusky: Tugg. Tugger. You’re the last piece of the puzzle buddy. We need you! Your men need you. Are you with us?
Tugg Speedman: [pause] I’m a rooster illusion.
Kevin Sandusky: Fuck it. We’ll deal with him later.

Studio Executive Rob Slolom: Wow. 8 Oscars, 400 million dollars at the box office, and you saved Tugg Speedman’s career.
Les Grossman: I couldn’t have done it without you.
Studio Executive Rob Slolom: Really?
Les Grossman: No, dickhead. Of course I could. A nutless monkey could do your job. Now, go get drunk and take credit at all the parties.
Studio Executive Rob Slolom: I wouldn’t do that.
Les Grossman: Ah… joking.
Studio Executive Rob Slolom: Ah, there he is! Funny. You’re a funny guy.
Les Grossman: Yeah. But seriously, a nutless monkey could do your job.

Kirk Lazarus: Same thing happened to me when I played Neil Armstrong in Moonshot. They found me in an alley in Burbank trying to re-enter the earth’s atmosphere in an old refrigerator box.

Kirk Lazarus: Everybody knows you never go full retard.
Tugg Speedman: What do you mean?
Kirk Lazarus: Check it out. Dustin Hoffman, ‘Rain Man,’ look retarded, act retarded, not retarded. Counted toothpicks, cheated cards. Autistic, sho’. Not retarded. You know Tom Hanks, ‘Forrest Gump.’ Slow, yes. Retarded, maybe. Braces on his legs. But he charmed the pants off Nixon and won a ping-pong competition. That ain’t retarded. Peter Sellers, “Being There.” Infantile, yes. Retarded, no. You went full retard, man. Never go full retard. You don’t buy that? Ask Sean Penn, 2001, “I Am Sam.” Remember? Went full retard, went home empty handed…

La DC Comics ha la Justice League of America, Marvel ha gli Avengers. La JLA era composta principalmente da Batman, Superman, Wonder Woman e ecc…man. Gli Avengers erano formati inizialmente da Hulk, Thor, IronMan e Ant-Man, poi si unirà a loro anche Spiderman e altri …man anche qui.Dato che per i prossimi anni sono pianificati un sacco di film tratti da fumetti di supereroi, o da supereroi dei fumetti, vi voglio preparati. 😀

Di IronMan, ad esempio, non ci sbarazzeremo presto. E’ stata proposta almeno una trilogia e probabilmente finirà per diventare una serie infinita come per Spiderman. Il prossimo film tratterà del problema dell’alcolismo di Robert Downey Jr.: dell’attore e del personaggio 😀

Detto questo, il film mi è piaciuto.

  • Ironico e spassoso al punto giusto 😀
  • Un filo lievissimo di critica ai costruttori di armi che si disinteressano di che fine fanno i propri prodotti pur di ottenere un maggior guadagno 🙂
  • Una visione molto americana dell’impegno alla pacificazione del Medio Oriente 😦

loc

avengers

Tony Stark (Robert Downey Jr.) è miliardario, intelligente e brillante. Il mondo è un parco giochi per i suoi capricci esibizionistici. Il suo unico impegno è quello di portare avanti la ditta fondata dal padre, la più grande industria bellica del mondo.

A Tony, che fondamentalmente è un’idealista, manca uno scopo che gli riempia la vita. Essere rapito da dei combattenti afgani e ritrovarsi attaccato ad una batteria per auto per la vita, gli fa trovare le giuste motivazioni per continuare a vivere.

Nella grotta in cui è rinchiuso, costruisce un pilota-senza-aereo, una corazza impenetrabile e un arsenale-da-paura allo scopo di fuggire: tutto questo sotto gli occhi dei suoi aguzzini. Straordinario 😀

Ritornato a casa vorrebbe mettere dei fiori nei propri cannoni, ma deve rendere conto a molti del suo operato. Invece di portare il CdA in afghanistan per una vacanza soggiorno come la sua, preferisce elaborare un progetto personale allo scopo di difendere tutti i civili che sono in pericolo per via delle armi distruttive prodotte dalla sua azienda. Prova oggi, prova domani, l’armatura è pronta e si può agire.

L’esibizionismo di Stark è appagato finalmente e può far sventolare il vessillo di IronMan sul pennone più alto del suo abuso edilizio sulla costa di Malibù 😀

Valutazione: tra umani spietati e senza pudore e macchine che sono programmate così intelligentemente da sembrare che abbiano un’anima, il film è bello quanto Spiderman. Il fondo di realtà in cui è calato lo rende ancora più acuto e penetrante nelle sue critiche e nelle sue battute 😀

Probabilmente ciò si perderà quando arriveranno i supervillains di questa serie (Mandarin in testa…) ma per ora godiamocelo così come è uscito.

Virginia ‘Pepper’ Potts: What’s going on here?
Tony Stark: Let’s face it, this is not the worst thing you’ve ever caught me doing.