Tag Archive: Daniel Craig


Quantum of solace è il 22esimo film di 007, il secondo con Daniel Craig protagonista. Rispetto agli altri episodi, gli ultimi hanno tutto l’aspetto di voler essere una trilogia nella maturazione di James Bond e quindi non sono pienamente conclusivi.

Quantum of solace prende il nome da un racconto breve di Ian Fleming, tradotto in italiano col titolo di Quanto di sicurezza. Le somiglianze si fermano qui: la trama è totalmente inedita ed è un sequel del precedente film Casino Royale.

Il regista è Mark Forster (già noto per il Cacciatore di aquiloni) e il secondo è Dan Bradley (se avete notato alcune somiglianze tra i combattimenti di Jason Bourne e quelli di questo 007, è colpa sua 😀 )

Forse noterete o avrete notato la scelta registica d’istillare nel film una sovrabbondanza di sintagmi paralleli (cioé quando due o più scene si alternano per dare un senso di contemporaneità). In Quantum of Solace vengono usati sia per seguire più personaggi (nell’incendio), che come contrappunto tra realtà di segretezza e la nostra normalità (durante il palio di siena e la Tosca). Non è solo un film di pugni e sprangate, per fortuna 😀

loc

Trama travisata.

James Bond nel precedente film ha preso un po’ male il tradimento e il suicidio di Vesper (in ordine di importanza), ma pur di non ammetterlo con se stesso continua il suo lavoro di agente segreto con molta solerzia. Se c’è da menare, lui picchia il doppio. Se si vogliono informazioni da un reticente, è il primo a proporsi come torturatore. Se c’è da trombare… avete capito.
Ma nulla gli dà il sollievo sperato.
Quanti morti dovranno passare davanti a Bond, quanti inseguimenti, combattimenti, esplosioni, marchette e sintagmi paralleli servono per ottenere un quantum of solace?
Un ottimo cinema-di-menare, come direbbe il critico Ernest del Montecastagna (personaggio di 610, trasmissione di RadioDue)
Nonostante tutto, questi film di 007 sono i più complessi psicologicamente: gli altri non erano di legno, ma Daniel Craig non fa certo la parte della marionetta 😀 , quindi onore al merito.

M: I want you back.
James Bond: I never left.

Mr. White: [after his associates have fled the opera house] I guess Tosca isn’t for everyone.

James Bond: [while spying on Greene and his crew having a meeting] Can I offer an opinion?
[they all listen on their ear-pieces]
James Bond: I really think you people should find a better place to meet.

Annunci

loc

Ciccio:No, è tutto in mano di quella bambina

Così Ciccio ha motivato il boicottaggio della Bussola d’oro, trasposizione cinematografica tratta dal primo libro della trilogia di Philip Pullman, Queste oscure materie.

Il titolo britannico era Le luci del nord, ma l’editore americano ha rititolato l’opera. Gli altri libri s’intitolano La lama sottile e Il cannocchiale d’ambra.

Sinossi semplice e compatta:

Lyra Belacqua vive in un mondo fantasy in cui la tua anima (e quindi anche la tua morale) prende le sembianze animali, o daimon, che è tuo consigliere e miglior amico. Quelle dei bambini possono cambiare forma, ma crescendo questa si stabilizza.

Il suo mondo è popolato da:

  • Terraioli
  • Giziani
  • Orsi corrazzati del nord
  • Streghe

Lyra è un’impicciona che si avventura in una storia più grande di lei, come Harry Potter e Frodo. Lo scopo del viaggio è scoprire come la polvere, sostanza primordiale, unisce i mondi paralleli e se la si può usare per attraversare le varie realtà.

Le priorità cambiano durante il viaggio, quando si scopre che alcuni bambini venivano rapiti e portati al nord dagli Ingoiatori per un piccolo taglietto e che si deve assolutamente salvare.

Nel suo viaggio porta con sé un Aletiometro (non ho scritto un Etilometro, Faso) detta La bussola d’oro. Il suo Unico Anello, se volete fare paragoni. Non è dotato di manuale utente o help-on-line. Quindi per metà del film si sa solo che è una palla 8 un po’ più complessa.

Poi condividendo le informazioni Lyra impara ad usarlo. Fai una domanda, posizioni le tre lancette su dei simboli e, come dice il profeta di Quelo, “la risposta è dentro di te, però è sbagliata”. 😀

Parti da cammeo per Daniel Craig e Christopher Lee (versione conte Duku 😀 ), più forte la presenza di Nicole Kidman che è co-protagonista, antagonista ed eletta Miss Golden Compass. 😀

Titoli vagliati:

  • Spolverare, no?
  • Lyra, sono tua madre!
  • Cerco manuale d’uso per La bussola d’oro
  • Vendo Aletiometro quasi nuovo perché non so come usarlo
Valutazione finale:
Ottimo film, grafica sorprendente. La riduzione cinematografica, necessaria, è riuscita a salvare organicità della trama, senza comprimerla allo spasmo e senza lacune deduttive. Aspetto il secondo, forse nel 2010.

Non capisco perché in America sia stato boicottato, forse perché i puritani non vogliono sentire parlare di anima fuori dai corpi?